Stranger things, uno e due.

Prima serie vista grazie al nuovo abbonamento a Netflix; volevo scrivere della prima stagione, finita a fine ottobre giusto per lasciarla sedimentare un attimo e partire poi con la seconda. Invece ci ho messo un cincinnino più del previsto a scrivere (ah, la vita) e allora faccio un pezzo unico visto che nel frattempo ho visto anche la seconda.
Ovviamente, contiene spoiler.

La prima stagione è un gioiellino, e l’ho trovata dominata da due elementi: la risonanza e l’equilibrio, ovvero dalla capacità con piccoli elementi di stimolare i ricordi e i percorsi mentali dello spettatore e la capacità di avvicinarsi al limite (di un tema, di un genere, di una situazione) ma senza mai sorpassarlo.

Devo dire che la serie ha fatto centro: tutti i suoi elementi (la nostalgia anni ’80, il piacevole mix di mistero, horror e drama, la chiarezza) mi hanno interessato e soprattutto mi ha colpito il loro equilibrio. Mai mi sono trovato nella situazione di dire “Dai, adesso basta con questo filone della storia, passiamo ad altro”, apprezzando l’ottimo lavoro di scelta dei tempi dei Duffer Brothers.
Ottimi gli attori (su tutti Undici, che riesce subito a creare quel giusto equilibrio tra tenerezza per la bimba e timore per i superpoteri), ottima la ricostruzione dei primi anni ’80 (ogni scena, ripresa, inquadratura ha in sé un dettaglio, una citazione, un riferimento che risuona).

Ci sono delle parti un po’ deboli (tutto il feuilleton tra Steve e Nancy è stucchevole e sembra Grease, in certi momenti) e delle parti che avrei approfondito di più (attività segrete del governo? esperimenti psichici? laboratori sotterranei? SHOW ME MORE), ma è una questione puramente soggettiva, chi l’ha visto con me sostiene esattamente il contrario, ovvero che da non appassionata di sci-fi, ce ne era “la giusta quantità”.

Ho trovato invece un po’ “pezzotti” i dieci minuti finali della serie: sembrano proprio costruiti ad hoc per creare il gancio con la seconda serie. Sono talmente artificiali, fuori tono, slegati dal resto che sembra quasi che siano stati aggiunti a produzione conclusa, quando la produzione, magari dopo gli screening di prova, si è accorta che aveva in mano un prodotto che funzionava e ha voluto costruirsi la possibilità di una seconda serie.
Odiando le serie lunghe, personalmente non avrei avuto niente da dire se la serie fosse finità lì, senza nessuna “ricomparsa” di Undici.

E veniam così alla seconda serie: su cui il parere è diametralmente opposto. Si sbraca, si sbraca tanto e male.
Io capisco la necessità di sfruttare una proprietà intellettuale che funziona, di investire all’inizio nella creazione, di fare una prima stagione da “salto nel buio” e poi, una volta vistone il successo, vivere di rendita. Ma così è troppo.

Dove la prima serie riusciva ad arrivare al limite senza mai superarlo, la seconda lo salta, lo scavalca e se lo lascia abbondantemente dietro, il limite.
Sin dall’inizio vengono aggiunti pezzi che non servono a nulla, che si autorisolvono (tutto il tema della “sorella” di Undici, la storia di Bob) e che non lasciano niente in bocca, solo tempo perso.
Che senso ha in questo caso allargare il mondo, costruendo nuove potenziali cose, anche interessanti, per poi troncarle senza approfondirle? Perchè proporre parecchie cose nuove, concentrarcisi anche per puntate intere, per poi BUM, seppellirle?
C’è pochissimo lavoro sui rapporti tra i personaggi della serie precedente, tutti si muovono a compartimenti stagni secondo il filone assegnato, chi vuole vendicare Barb, chi vuole proteggere Dart. Della coralità e delle interazioni della prima serie rimane nulla.
L’equilibrio si perde, con continui salti di qua e di là che non fanno altro che destabilizzare una narrazione che già soffre il fatto che la storia centrale è debolina e di fatto “il remix” di quella della stagione precedente. Will stavolta non sparisce, ma si ammala.
Will stavolta non comunica con Undici, ma è gli occhi del nemico. Ma sotto le differenze formali, sempre di amici in cerca di Will si tratta. Se ci aggiungiamo le deliranti scelte dei personaggi, che, pur passato un anno, sembrano rincitrulliti invece che più saggi dall’esperienza, c’è tutto il mix di una stagione senza né capo né coda.

La confezione è sempre eccellente, la ricostruzione degli ’80 credibile e autentica. Ma senza trama sembra più di guardare un museo che uno spettacolo.
Non attendo con ansia la terza stagione.

Lascia un commento