Grand Big Mac

Mc Donald’s a questo giro prova un nuovo trick: invece che proporre una nuova ricetta, propone il suo panino classico, il Big Mac, in tre dimensioni diverse. Al tradizionale affianca infatti un panino più piccolo, il Junior, e uno più grande, il Grand Big Mac. E non potevo perdere l’occasione di provarlo.

Lo dico subito, parto con un preconcetto: non sono un fan del Big Mac normale. Lo trovo troppo democristiano: non ha caratteristiche spinte, è un panino con un po’ di dolce, un po’ di acido, un po’ di salato e un po’ di amaro, che mira a piacere a tutti ma che non fa innamorare nessuno.

Menù Grand Big Mac

Qui sopra potete vedere la configurazione di assaggio: Grand Bic Mac McMenù, con birra, patatine normali e alette di pollo di rinforzo. Molto tradizionale.

Il Grand Big Mac è fatto esattamente come il Big mac: partendo dal fondo abbiamo pane da hamburgher, lattuga e cipolla, formaggio, hamburgher, salsa, pane da hamburgher, lattuga e cipolla, formaggio, hamburgher, salsa, pane da hamburgher.
Sono 11 strati. Sono tanti, anche perché la scelta di aumentare la dimensione degli strati, senza variarne l’ordine o inserire supporti, porta durante il consumo a una sorta di “collasso strutturale” dalle conseguenze antipatiche.

Close up del panino

Come potete vedere dalla foto, infatti, già fin da subito formaggio e salsa dello strato inferiore protrudono fuori dal panino, schiacciati dal peso degli strati superiori.
Aggiungeteci lo smanacciamento tipico che si realizza portandolo alla bocca e dopo tre quattro bocconi vi ritroverete con le mani coperte di salsa e formaggio.
Non male per gli appassionati, ma occasionalmente fasitidioso.

Il gusto invece è quello del Big Mac tradizionale, con il melange di gusti sopra descritto più o meno sempre presente; quello che qui cambia è che, essendo più grossi gli strati, i bocconi sono meno omogenei e in alcuni casi si può avvertire l’eccesso di questo o quell’ingrediente, trovandosi quindi con un boccone un po’ asciutto, grazie all’abbondanza di carne, o viceversa con uno di sola salsa e verdure.

Capirete quindi dai quanto scritto che, anche togliendo dall’equazione il mio tiepido affetto iniziale per il panino, ci troviamo di fronte a un prodotto che qualche problemino ce l’ha. Anche in questo caso, come nel Gran Crispy McBacon di aprile, “bigger is not better“.
Aspetto fiducioso il prossimo panino speciale, sperando non sia un’altra edizione maxi.